Saffo – La cosa più bella

Il fatto di non avere studi classici nel mio background scolastico mi ha un po limitato nell’approccio ai poeti classici dell’antichità. La difficoltà nel contestualizzare la loro poetica me li ha sempre fatti vedere come “difficili”. Saffo, poetessa dell’amore femminile, non è stata da meno. Per capire la sua poetica e svincolarsi dalla nostra visione,Continua a leggere “Saffo – La cosa più bella”

Giacomo Leopardi – Alla luna

Quando ho cominciato ad avvicinarmi al mondo della poesia, Leopardi era u ricordo scolastico: conosco a memoria L’infinito e per un sacco di motivi le Marche e la zona di Recanati mi sono diventate familiari, così come l’ermo colle della poesia. Giocoforza ho approfondito la conoscenza con Giacomo, che certo non ha avuto una vitaContinua a leggere “Giacomo Leopardi – Alla luna”

Francesco Tomada – 7 polaroid da Campoformido

Amo le poesie di Francesco Tomada. Non da oggi. E amo questa in particolare, questa composizione di 7 immagini in poesia di Campoformido. E mi sento a disagio. E’ davvero difficile parlare di questa poesia, o della poesia di Francesco in generale. E non perché sia poesia difficile. Anzi tanto è asciutto, scarno e alloContinua a leggere “Francesco Tomada – 7 polaroid da Campoformido”

Cesare Pavese – Lavorare Stanca

Otto o nove anni, non di più. Ricordo che nel comodino di mia mamma, trovai questo libro con la copertina bianca e le striscie orizzontali rosse…una raccolta di POESIE, così s’intitolava. Sopra le righe rosse la foto di questo poeta, Cesare Pavese, con gli occhiali che oggi definiremmo da intelletuale demodè e questo sguardo triste,Continua a leggere “Cesare Pavese – Lavorare Stanca”